Stretching Ileopsoas: come farlo in modo corretto (VIDEO)

Il muscolo ileopsoas è formato da: la parte superficiale del grande psoas, la parte profonda del grande psoas e il muscolo iliaco.

INSERZIONI
L’ileopsoas presenta come inserzione prossimali:

  • parte superficiale del grande psoas: superfici laterali dei corpi vertebrali da T12 a L4 e dischi intervertebrali
  • parte profonda del grande psoas: processi costiformi dal L1 a L5
  • muscolo iliaco: fossa iliaca fino alla spina iliaca anteriore inferiore.

Mentre come inserzione distale sul piccolo trocantere del femore con la parte iliaca posta anteriormente al grande psoas.

Ileopsoas (immagine tratta da “Manuale professionale di stretching” di Umberto Mosca edizioni RED)

AZIONI
L’ileopsoas flette la coscia sul bacino e la extraruota.
A inserzione distale fissa porta il bacino in antiversione e flette il tronco sugli arti inferiori mantenendo il rachide lombare in estensione.
Il solo grande psoas collabora alla flessione laterale della colonna vertebrale.

SINERGICI
I muscoli sinergici sono il sartorio e il retto del femore per la flessione della coscia.
Il quadrato dei lombi per la flessione laterale della colonna e l’aumento della lordosi lombare.

ANTAGONISTI
Come muscoli antagonisti invece l’estensore della coscia: grande gluteo, bicipite femorale, semimembranoso e semitendinoso.
Retto dell’addome per l’antiversione del bacino.

IN BICI
Sulla bicicletta, il ileopsoas dovrebbe contribuire ad effettuare la fase di trazione coadiuvando bicipite femorale e tibiale anteriore. Nella pratica comune, è un muscolo sotto-utilizzato.

Risulta fondamentale comunque svolgere quotidianamente un esercizio di stretching.

La nostra collaboratrice Maria Giovanna, vi mostra un esercizio che potete fare comodamente a casa.

 

Lascia un commento